Opere calligrafiche armene “in esclusiva”

alfabeto-calligrafia

N. 01 Alfabeto Armeno “Yerkatagir ”
Firmata, numerata, in edizione limitata.
Archivio 305 gsm, 29×42 cm.
Carta Hahnemühle
€ 250

L’ARTE DELLA CALLIGRAFIA ARMENA

Per la Nazione armena, l’alfabeto è stato ed è di fondamentale importanza, poiché ha garantito, nel corso della storia, l’identità nazionale.
Le sue lettere, ideate dal Monaco Mesrop Mashtots – in totale trentanove – ben si prestano ad essere oggetto di attenzione calligrafica.
La calligrafia era una prassi ben consolidata nell’Armenia medievale ed ha dato vita a decine di migliaia di manoscritti, realizzati con raffinati strumenti di scrittura e inchiostri colorati. Di tutta tale enorme produzione, solo trentamila volumi manoscritti sono giunti fino a noi e attualmente sono conservati – la maggior parte – nella biblioteca/museo di Yerevan, intitolata allo stesso Mashtots, e gli altri nelle biblioteche di importanti città d’Europa, America e Medio Oriente.
Il più antico manoscritto completo armeno è il “Vangelo Mlkè” – redatto nell’862 – conservato a Venezia (insieme ad altri 170.000 volumi, di cui 4.500 manoscritti), presso il Monastero e Casa Madre della Congregazione Armena dei Mkhitaristi, nell’Isola di San Lazzaro.

N. 10 “Matean ” in stile Boloragir
Firmata, numerata, in edizione limitata.
Archivio 305 gsm, 29×42 cm.
Carta Hahnemühle
€ 250